Pubblicato il Lascia un commento

Autorizzato il take away in Veneto

Covid-19

Finalmente possiamo ricominciare a lavorare.

Oggi, Luca Zaia ha approvato un’ordinanza, valida per il Veneto con la quale autorizza, tra l’altro, la vendita di cibo da asporto. Le condizioni sono:

  • ordine on-line o telefonico, se possibile
  • ritiri scaglionati nel tempo
  • l’attesa per il ritiro all’esterno del locale
  • rispetto del distanziamento di un metro tra avventori
  • uso di mascherina e guanti o idoneo prodotto igienizzante
  • presenza all’interno del locale di un cliente alla volta
  • divieto di stazionare oltre il tempo necessario
  • divieto di ogni forma di consumo sul posto
  • resta la possibilità di consegna a domicilio

Finalmente, almeno in Veneto, 
possiamo ricominciare a lavorare.Safac, naturalmente, è a vostra disposizione per supportarvi nella riapertura.Non esitate a contattarci


Ecco il testo dell’ordinanza Regionale:

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELLA
GIUNTA REGIONALE VENETO
del 24 aprile 2020

Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da virus COVID-19. Ulteriori disposizioni.

Note per la trasparenza

Alla luce dell’esperienza maturata e dei dati epidemiologici e sanitari raccolti, vengono adottate misure di adeguamento delle restrizioni disposte con precedenti provvedimenti.

Il Presidente Visti l’art. 32 e 117, commi 3 e 4, Cost.;

Visti l’art. 32 l. 833/78, l’art. 117, d.lgs. 112/98, l’art. 50, comma 5, d.lgs. 267/00; Viste le proprie ordinanze di contenimento del contagio da Covid-19;
Visto il D.L. 25.3.2020, n. 19;

Rilevato, altresì, sulla base dei dati forniti anche in data 23 aprile 2020 da Azienda Zero, che permangono situazioni di contagio che impongono, per andamento cronologico e connotati quantitativi e qualitativi il mantenimento di misure di prevenzione anche più restrittive di quelle statali, essendo stati registrati nella medesima data odierna, n. 1329 di soggetti ricoverati, di cui n. 140 in terapia intensiva, con una riduzione di 23 unità, n. 16.881 casi di tampone positivo, con incremento rispetto al giorno precedente di n. 143 unità, n. 9925 casi di soggetti attualmente positivi, n. 9533 di soggetti in isolamento domiciliare, dati che evidenziano una diffusione ancora significativa, seppure con numeri in calo rispetto ai parametri più impattanti e delicati quali carico di ricoveri in terapia intensiva;

Rilevato che è in corso di ripresa, in conformità alla normativa di legge, di attività economiche che determinano la necessità di assicurare pasti ai lavoratori impegnati nelle attività e che l’offerta di pasti caldi e di pronta consumazione assicurata attualmente risulta garantita dai supermercati di alimentari, presso i quali operano produttori di pasti caldi consegnati presso gli esercizi commerciali, spesso connotati da forti code;

Considerato che non si rinviene un divieto posto dalla normativa statale sul contagio covid-19 di produzione di pasti caldi per asporto, essendo vietata la somministrazione per la consumazione sul posto, come si desume dall’art. 1, comma 1, lett. aa), dpcm 104.2020;

Ritenuto, altresì, sempre alla luce dell’esperienza maturata e dei dati in evoluzione comunque positiva, di revocare le restrizioni imposte con ordinanza n. 40 del 13.4.2020 relativamente al commercio di vestiti per bambini, libri e prodotti di cartoleria;

Ritenuto di chiarire, relativamente alle opere pubbliche, a fronte di non piena corrispondenza tra qualificazione SOA e codici Ateco non sospesi, che può proseguire, a prescindere dai codici Ateco principale o secondari intestati all’appaltatore, l’esecuzione dei lavori ascrivibili, in maniera prevalente, alle seguenti categorie SOA:

a) OG 3: STRADE, AUTOSTRADE, PONTI, VIADOTTI, FERROVIE, LINEE TRANVIARIE,

METROPOLITANE, FUNICOLARI, E PISTE AEROPORTUALI, E RELATIVE OPERE COMPLEMENTARI

  1. b)  OG 4: OPERE D’ARTE NEL SOTTOSUOLO
  2. c)  OG 5: DIGHE
  3. d)  OG 6: ACQUEDOTTI, GASDOTTI, OLEODOTTI, OPERE DI IRRIGAZIONE E DI

EVACUAZIONE

  1. e)  OG 7: OPERE MARITTIME E LAVORI DI DRAGAGGIO
  2. f)  OG 8: OPERE FLUVIALI, DI DIFESA, DI SISTEMAZIONE IDRAULICA E DI BONIFICA
  3. g)  OG 13: OPERE DI INGEGNERIA NATURALISTICA
  4. h)  OS21: OPERE STRUTTURALI SPECIALI
  5. i)  OS23: DEMOLIZIONE DI OPERE

Rilevato quanto emerso nella riunione del Comitato Operativo Nazionale presieduta dal dott. Borrelli in data 24.4.2020 relativamente alla coltivazione degli orti;

Rilevato che il DPCM consente attività di manutenzione di edifici esistenti strettamente collegati ad altri che risultano sospesi, con conseguente difficoltà pratiche per gli operatori e per gli utenti;

Considerato che, anche in considerazione della prolungata sospensione delle attività conseguente alla normativa emergenziale, gli interventi strettamente edilizi, collegati a quelli impiantistici, si presentano necessari ai fini della disponibilità dei locali, residenziali e delle aziende non sospese;

Rilevato che il DPCM 10.4.2020, da un lato, all’art. 2, comma 12, consente l’accesso ai locali aziendali di personale dipendente o terzi delegati anche per lo svolgimento di attivita’ conservative e di manutenzione, dall’altro, che l’attività delle imprese edili con codice Ateco 43.3, comprendente le opere di manutenzione, risulta sospesa, senza possibilità in via generale di legittimazione con comunicazione al prefetto, con conseguente impossibilità di svolgimento della manutenzione da parte di imprese terze, conseguenza non compatibile con la prassi nettamente prevalente dell’esecuzione di tali lavori da parte di soggetti terzi rispetto al titolare dell’impresa;

Rilevato che la soluzione della comunicazione al Prefetto ai fini dell’accertamento del collegamento di filiera determina comunque una situazione di incertezza per gli operatori e di sovraccarico di comunicazioni, anche, tra l’altro, per le stesse attività di manutenzione relative ad aziende non sospese;

Ritenuto, in tale quadro complesso, a fini di certezza e di garanzia di intervento anche in relazione ad esigenze effettive e inderogabili, tenuto conto dell’assenza di condizioni preclusive sotto il profilo della tutela della salute ed anzi dell’esigenza proprio anche a tali fini di legittimare interventi edilizi minori e per nulla impattanti sul territorio, di consentire l’attività su edifici esistenti, soggetta al regime della comunicazione di cui all’art. 6 del d.p.r. 380/01 o della comunicazione asseverata di cui all’art. 6 bis, del medesimo d.p.r. 380/01, fatto salvo ogni ulteriore titolo abilitativo non emergenziale;

Ritenuto di chiarire il regime di attività oggetto di pareri ministeriali, regolando espressamente la materia, in particolare per quanto riguarda la vendita di prodotti floreali, di coltivazione di orti e boschi e di manutenzione e di servizi alle imbarcazioni;

Considerata la competenza delle regioni in materia di tutela della salute, compresa le funzioni funerarie, del commercio, di attività artigianale, del trasporto pubblico locale, governo del territorio e della tutela della sicurezza nel lavoro;

Visto il D.P.C.M. 10.4.2020;

Richiamato quanto dedotto nella motivazione della propria ordinanza n. 37 del 3.4.2020 in ordine al potere di ordinanza regionale;

Dato atto che la struttura competente ha attestato l’avvenuta regolare istruttoria della pratica anche in ordine alla compatibilità con la vigente legislazione statale e regionale,

ordina

  1. è consentita la vendita di cibo da asporto. La vendita per asporto sarà effettuata, ove possibile, previa ordinazione on-line o telefonica, garantendo che gli ingressi per il ritiro dei prodotti ordinati avvengano dilazionati nel tempo e comunque, negli spazi esterni anche di attesa, nel rispetto del distanziamento di un metro tra avventori e con uso da parte degli stessi di mascherina e guanti o garantendo l’igiene delle mani con idoneo prodotto igienizzante, e consentendo, nell’eventuale locale interno, la presenza di un cliente alla volta, con mascherina e guanti o garantendo l’igiene delle mani con idoneo prodotto igienizzante, e stazionamento per il tempo strettamente necessario alla consegna e al pagamento della merce; gestore ed addetti devono essere muniti di mascherina e guanti; rimane sospesa ogni forma di consumo sul posto ed è confermata la possibilità di consegna a domicilio;
  2. è revocata la disposizione restrittiva di cui alla lettera o) del punto 1. dell’ordinanza n. 40 del 13.4.2020, relativa alla vendita di vestiti per bambini e di prodotti di cartolerie nonché alle librerie; la vendita di vestiti per bambini include quella delle scarpe per i bambini medesimi;
  3. perleoperepubbliche,èammessal’esecuzionedeilavoriascrivibili,inmaniera prevalente, alle categorie di seguito indicate a prescindere dai codici Ateco principale o secondari intestati all’appaltatore e a condizione che questi sia in possesso della corrispondente qualificazione SOA:a. OG 3: strade, autostrade, ponti, viadotti, ferrovie, linee tranviarie, metropolitane, funicolari, e piste aeroportuali, e relative opere complementari

b. OG 4: opere d’arte nel sottosuolo

c. OG 5: dighe

  1. OG:acquedotti,gasdotti,oleodotti,operediirrigazioneedievacuazione
  2. OG 7: opere marittime e lavori di dragaggio
  3. OG 8: opere fluviali, di difesa, di sistemazione idraulica e di bonifica
  4. OG 13: opere di ingegneria naturalistica
  5. OG 21: opere strutturali speciali
  6. OG 23: demolizione di opere;
  1. diconsentireleattivitàsulpatrimonioedilizioesistentesecondoilregimedella comunicazione e della comunicazione asseverata previste dagli articoli 6 e 6 bis del decreto del Presidente della Repubblica n. 380 del 6 giugno 2001;
  2. è consentita la coltivazione del terreno per uso agricolo per autoconsumo, anche all’interno di orti urbani e comunali, nel rispetto degli obblighi di distanziamento di un metro e dell’uso di mascherina e guanti o garantendo l’igiene delle mani con idoneo prodotto igienizzante;
  3. è consentita la vendita in esercizi anche esclusivamente commerciali al dettaglio, quali fiorerie, di prodotti florovivaistici, quali a titolo di esempio semi, piante, fiori ornamentali, piante in vaso, fertilizzanti;
  4. nei mercati e nelle analoghe forme di vendita su area pubblica o privata è ammessa la vendita di prodotti florovivaistici e di abbigliamento per bambini, comprese le scarpe per i bambini medesimi;
  5. sono consentiti i tagli boschivi anche per autoconsumo in presenza di una effettiva situazione di necessità;
  6. è consentito l’accesso ai cimiteri nel rispetto dell’obbligo di distanziamento di un metro tra le persone e dell’uso di mascherina e guanti o garantendo l’igiene delle mani con idoneo prodotto igienizzante;

10.sono consentite le prestazioni di servizio di carattere artigianale rese da terzi per interventi di manutenzione a bordo di imbarcazioni di diporto all’ormeggio nonché per prove, collaudo e consegna delle imbarcazioni, nonché di sistemazione delle darsene per l’espletamento dell’attività ordinaria;

11.è confermato, con riguardo agli ambienti di lavoro delle attività consentite dalla presente ordinanza e dalla propria ordinanza n. 40 del 13.4.2020, l’obbligo di applicazione delle disposizioni del protocollo per la sicurezza sul lavoro sottoscritto a livello nazionale il 14.3.2020 e ogni successiva modifica e integrazione nonché ogni ulteriore disposizione più restrittiva operante nel singolo posto di lavoro;

12.è confermato, per tutti gli spazi pubblici o aperti al pubblico in cui trovano persone in relazione ad attività ammesse dalla presente ordinanza o dall’ordinanza n. 40 o dalla normativa statale, l’obbligo di tutte le persone di rispettare distanziamento di un metro e di utilizzare mascherina e guanti o garantendo l’igiene delle mani con idoneo prodotto igienizzante, salve le disposizioni speciali più restrittive già adottate;

13.le misure di cui alla presente ordinanza hanno effetto dalle ore 15 del 24 aprile 2020 al 3 maggio 2020 compreso, salva cessazione anticipata della stessa per effetto di quanto disposto dal decreto legge n. 19 del 2020 e salva proroga nel rispetto del medesimo decreto legge;

14.per quanto non diversamente regolato dalla presente ordinanza, vale quanto disposto dalla propria ordinanza n. 40 del 2020, intendendosi modificato il distanziamento ivi previsto con la distanza di un metro;

15.di dare atto che la violazione delle presenti disposizioni comporta l’applicazione delle sanzioni di cui all’art. 4 del decreto legge 25 marzo 2020, n. 19, secondo le modalità regionali già fissate dall’ordinanza n. 40 del 2020;

16.di incaricare dell’esecuzione del presente provvedimento la Direzione Infrastrutture e Trasporti relativamente al punto 2) e, per il resto, la Direzione Protezione Civile;

17. di dare atto che il presente provvedimento non comporta spesa a carico del bilancio regionale;

18. di pubblicare integralmente il presente atto nel Bollettino Ufficiale della Regione.

https://bur.regione.veneto.it/BurvServices/pubblica/DettaglioOrdinanzaPGR.aspx?id=419258

Pubblicato il Lascia un commento

Cottura al forno: programma vs processo

Il Rational SelfCookingCenter viene presentato come un sistema di cottura che lavora per processi e viene contrapposto ai sistemi che lavorano per programmi (come il Rational Combimaster).

Ma, che differenza c’è fra processo intelligente e programma e perché dovrebbe interessarmi?

La differenza è presto spiegata:

Programma di cottura

Un programma è una sequenza di fasi di cottura fisse: per esempio, per cucinare un pollo scongelato di 1,5 kg potrei impostare nel forno:
1. fare una prima cottura a combi-vapore 210° per 6′
2. proseguire con una cottura a calore secco a 200° per 10′
3. e terminare con una cottura a calore secco a 170° per 9′
Ipotizziamo che con questa sequenza di cotture ottenga un risultato ottimale.

Con un programma impostato come sopra, ogni volta che cucinerò con il mio forno un pollo scongelato di quel peso otterrò il mio risultato ottimale.
Ma cosa succederà se invece di cucinare un pollo ne cucino due oppure ne cucino uno di 1 solo kg?
Evidentemente non otterrei più lo stesso risultato e quindi dovrei intervenire sui tempi e le temperature delle diverse fasi di cottura.

In poche parole il programma è una sequenza di fasi di cottura fissa.

Processo intelligente di cottura

Qui si inserisce il concetto di “processo intelligente di cottura“.

Un processo di cottura parte da una sequenza di fasi di cottura e le adatta alla tipologia e alla quantità di prodotto introdotto in camera di cottura.

Nell’esempio di cui sopra, se avessi introdotto un pollo da 1 kg il forno andrà a riconoscere che ho messo una quantità minore di prodotto e modificherà, in automatico, le fasi nel seguente modo:
1. cottura a combi-vapore 200° per 5′ (prima, 210° per 6′)
2. cottura a calore secco a 190° per 8′ (prima, 200° per 10′)
3. cottura a calore secco a 160° per 6′ (prima, 170° per 9′)

In questo modo il pollo da 1 kg risulterà cotto esattamente come quello da 1,5 kg, in modo automatico e senza che io debba preoccuparmi di adattare il programma di cottura.

Come fa il Rational SelfCookingCenter a fare questo?

In camera di cottura ci sono una serie di sensori che rilevano, una volta al secondo, la temperatura e l’umidità e, sopratutto, la loro variazione in rapporto al calore e all’umidità prodotti dal forno.
In questo modo il selfcookingcenter riesce a capire la tipologia, la quantità e lo stato (surgelato o a temperatura ambiente).
Questo è possibile perché Rational nel corso degli anni ha fatto un numero immenso di prove di cottura con tutte le tipologie possibile di cibo ed è riuscita ad elaborare degli algoritmi che riescono ad interpretare i dati rilevati e a capire come modificare i parametri di cottura per garantire sempre lo stesso risultato finale.

Pubblicato il Lascia un commento

Rational SCC: La programmazione delle ricette

Anche se Il Rational SelfCookingCenter si esprime al meglio nella gestione per processi intelligenti, a volte, l0 chef o il pasticcere preferisce impostare cotture decidendo fin dei dettagli come sarà cucinato il cibo.

La documentazione e il materiale Rational trascura questo aspetto perché spinge molto su quella che è la caratteristica differenziante di questo sistema di cottura.

Proprio per questo ho pensato di fare una serie di articoli per spiegare come programmare il SCC.

Ricordo che con il Rational SCC è possibile impostare programmi di cottura manuale con un massimo di 12 fasi.

Per impostare un programma di cottura manuale (non un processo) la prima cosa da fare è premere l’icona (Foglio con penna) nella schermata iniziale.

Nella schermata successiva premiamo l’icona “Nuovo Programma”

Diamo un nome al programma e premiamo sull’icona a forma di visto.

A questo punto ci troviamo su una schermata dove possiamo scegliere la modalità di cottura iniziale. Le tre icone della prima riga permettono di fare un programma manuale, le icone restanti servono impostare un processo di cottura

Partiamo, ad esempio, con una cottura a vapore cliccando sull’icona relativa.
Impostiamo vapore a 97° per 5 minuti.
Sotto i parametri vediamo (in rosso) il numero della fase in cui siamo e due icone, una per avere un segnale acustico alla fine della fase e una per regolare la velocità della ventola: al momento, non le usiamo.
Per confermare premiamo sull’icona a forma di foglio con penna in basso.

Mi trovo ora nella fase due, dove posso impostare un’altro tipo di cottura

Imposto altre fasi di cottura, premo conferma e, successivamente premo l’icona con la scritta “end” per finire la programmazione.

Mi ritrovo nella schermata dei programmi con il mio programma pienamente operativo.

Se premo sull’icona avvio il programma.

Da qui posso fare altre impostazioni: per farlo è sufficiente premere sull’icona “foglio”

Qui ho una serie di opzioni:

La prima icona mi permette di scegliere un’immagine per il pulsante

La seconda permette di sceglie l’accessorio consigliato

La terza, permette di attribuire la mia ricetta da un gruppo.

La quarta permette di aggiungere una note

La quinta, infine, mi permette di accedere ad altre opzioni:

L’opzione A mi permette di impostazione un orario di avvio del programma
L’opzione B mi permette di riordinare i programmi

Delle altre opzioni, ne parleremo un’altra volta.

In questo modo ho realizzato un programma di cottura che, lo ricordo, è fisso, nel senso che si ripeterà tale e quale come impostato e non si adatterà alla quantità di prodotto introdotta.

In poche parole, dovrò creare un programma per 1 teglia di prodotto e un programma per il pieno carico dello stesso prodotto!

Pubblicato il Lascia un commento

Rational CookingLive Ristorazione

Vieni in Safac per vedere il SelfCookingCenter in azione
Vuoi provare a cucinare i tuoi piatti?
Contattaci, se porti i tuoi prodotti li cucineremo con il SelfCookingCenter e così potrai capire perché è uno strumento necessario nella tua cucina

Dimostrazione gratuita dedicata al mondo della ristorazione.
Durante questo evento verranno dimostrati i numerosi vantaggi e benefici che si possono avere utilizzando il SelfCookingCenter®


  • Risparmio su consumo energetico
  • Caricamenti misti (pasticceria dolce e salata)
  • Ampliamento dell’offerta al cliente
  • Per la pulizia, non serve la decalcificazione dell’acqua, consumo minimo di prodotti chimici, energia e acqua, sanificazione certificata.
  • Uniformità di cottura
  • Tempi di produzione più brevi
  • Qualità elevata e standardizzata, facilità d’uso.

Vuoi maggiori informazioni:
Scrivi un messaggio

Pubblicato il Lascia un commento

Vendita promozionale 2019

Vieni a trovarci nel nostro show room a Montecchio Maggiore.

Proponiamo attrezzature nuove, occasioni e usato di vario tipo come armadi frigo, vetrine gelato, Macchine gelato e pasticceria Bravo Trittico, cucine, vetrine espositive, forni Rational ed altro ancora.

Vuoi maggiori informazioni?

Vendita promozionale

Vuoi maggiori informazioni?

Potrai saperne di più o fissare un appuntamento

Siamo aperti e a tua disposizione
dalle 09:00 alle 12:30 e dalle 15:00 alle 18:00

dal lunedì al venerdì

Pubblicato il Lascia un commento

Cottura al forno: le varie modalità di cottura

Perché usare il classico forno sotto la cucina quando con un combi-vapore avresti grandi vantaggi

Una volta esisteva un solo modo di cottura al forno: per convenzione.

Ancora al giorno d’oggi quasi tutti i forni posti sotto i fuochi a gas funzionano con questa modalità.

Alcuni modelli hanno anche la ventilazione, ma si tratta di casi rari.

I due tipi di cottura hanno risultati diversi:

Cottura statica

Quella statica funziona per irraggiamento. Questo permette una cottura più lenta e delicata.

Per questo motivo la cottura statica è particolarmente indicata per le cotture lievitanti e che necessitano di restare asciutte e ben cotte all’interno, come pan di spagna, torte e dolci in genere, ma anche pane e focacce.

Cottura ventilata

Il forno ventilato, per contro permette una cottura più veloce e uniforme in quanto il calore viene diffuso maggiormente grazie ad una ventola che movimenta l’aria.

L’aria permette di rendere più croccante la parte esterna dei prodotti cotti.

Questo metodo di cottura è particolarmente indicato per la cottura di pasta al forno, arrosti, pesce al cartoccio e verdure, ma anche biscotti, crostate e dolci dal cuore morbido. 

Con la cottura ventilata, inoltre, si limita la contaminazione degli odori facilitando la cottura in contemporanea di pietanze diverse.

Cottura a vapore:

La cottura a vapore in forno permette di sostituire gran parte delle cotture in pentola con acqua guadagnano enormemente in qualità di risultato e con perdite peso praticamente nulle.

Sostituisce anche la vaporiera e la pentola bagnomaria.

Le possibili applicazioni sono:

  • Cottura a vapore/sbollentatura (= 100°C)
  • Cottura forzata a vapore (> 100°C)
  • Affogatura e cottura sous-vide (< 100°C)

Importante però è che il vapore sia generato da un boiler e che non si tratti di vapore diretto.

Il vapore diretto viene, infatti, ottenuto spruzzando dell’acqua su una resistenza riscaldata: questo permette di trasformare istantanemaente l’acqua in vapore: il problema è che, innanzitutto, questo va ad abbasare la temperatura in camera ed, in oltre, goccioline d’acqua vanno a contaminare il cibi in cottura.

Quello che serve è il cosiddetto indiretto o con boiler, specialmente se saturo (cioè con la massima saturazione di vapore possibile) permette di cuocere senza bagnare i prodotti ed evitando totalmente la contaminazione degli odori.

Cottura mista vapore e aria calda.

La tecnologia del forno combinato ha rivoluzionato per sempre i processi di produzione delle cucine industriali fin dal 1976 anno della sua introduzione. 

Questa tecnologia permette di cucinare secondo le diverse modalità o in combinata e, quindi, di ottenere risultati impossibile rispetto alle altre tecnologie.

Ha grande vantaggio di permette di cuocere un un singolo strumento una grande varietà di cibi

Altri vantaggi sono:

  • cottura di arrosti, pollame e pesce particolarmente succosi
  • ridotta perdita di peso
  • carichi misti con ridotto trasferimento di sapore
  • risparmio di tempo rispetto ai metodi convenzionali
  • sostituzionr di, ad esempio, fornelli, brasiere ribaltabili, tegami per arrosti o pentole

Vuoi saperne di più?

Analizzeremo le tue esigenze e ti proporremo la soluzione migliore per la tua cucina.

Pubblicato il Lascia un commento

La pulizia del forno

Perché usare il classico forno sotto la cucina quando con un combi-vapore avresti grandi vantaggi

Una volta esisteva un solo modo di cottura al forno: per convenzione.

Ancora al giorno d’oggi quasi tutti i forni posti sotto i fuochi a gas funzionano con questa modalità.

Alcuni modelli hanno anche la ventilazione, ma si tratta di casi rari.

I due tipi di cottura hanno risultati diversi:

Cottura statica

Quella statica funziona per irraggiamento. Questo permette una cottura più lenta e delicata.

Per questo motivo la cottura statica è particolarmente indicata per le cotture lievitanti e che necessitano di restare asciutte e ben cotte all’interno, come pan di spagna, torte e dolci in genere, ma anche pane e focacce.

Cottura ventilata

Il forno ventilato, per contro permette una cottura più veloce e uniforme in quanto il calore viene diffuso maggiormente grazie ad una ventola che movimenta l’aria.

L’aria permette di rendere più croccante la parte esterna dei prodotti cotti.

Questo metodo di cottura è particolarmente indicato per la cottura di pasta al forno, arrosti, pesce al cartoccio e verdure, ma anche biscotti, crostate e dolci dal cuore morbido. 

Con la cottura ventilata, inoltre, si limita la contaminazione degli odori facilitando la cottura in contemporanea di pietanze diverse.

Cottura a vapore:

La cottura a vapore in forno permette di sostituire gran parte delle cotture in pentola con acqua guadagnano enormemente in qualità di risultato e con perdite peso praticamente nulle.

Sostituisce anche la vaporiera e la pentola bagnomaria.

Le possibili applicazioni sono:

  • Cottura a vapore/sbollentatura (= 100°C)
  • Cottura forzata a vapore (> 100°C)
  • Affogatura e cottura sous-vide (< 100°C)

Importante però è che il vapore sia generato da un boiler e che non si tratti di vapore diretto.

Il vapore diretto viene, infatti, ottenuto spruzzando dell’acqua su una resistenza riscaldata: questo permette di trasformare istantanemaente l’acqua in vapore: il problema è che, innanzitutto, questo va ad abbasare la temperatura in camera ed, in oltre, goccioline d’acqua vanno a contaminare il cibi in cottura.

Quello che serve è il cosiddetto indiretto o con boiler, specialmente se saturo (cioè con la massima saturazione di vapore possibile) permette di cuocere senza bagnare i prodotti ed evitando totalmente la contaminazione degli odori.

Cottura mista vapore e aria calda.

La tecnologia del forno combinato ha rivoluzionato per sempre i processi di produzione delle cucine industriali fin dal 1976 anno della sua introduzione. 

Questa tecnologia permette di cucinare secondo le diverse modalità o in combinata e, quindi, di ottenere risultati impossibile rispetto alle altre tecnologie.

Ha grande vantaggio di permette di cuocere un un singolo strumento una grande varietà di cibi

Altri vantaggi sono:

  • cottura di arrosti, pollame e pesce particolarmente succosi
  • ridotta perdita di peso
  • carichi misti con ridotto trasferimento di sapore
  • risparmio di tempo rispetto ai metodi convenzionali
  • sostituzionr di, ad esempio, fornelli, brasiere ribaltabili, tegami per arrosti o pentole

Vuoi saperne di più?

Pubblicato il Lascia un commento

SelfCookingCenter® live 27 Novembre 2019

Ecco i vari modelli di Rational SelfCookingCenter

Vieni in Safac per vedere il SelfCookingCenter in azione
Vuoi provare a cucinare i tuoi piatti?
Contattaci, se porti i tuoi prodotti li cucineremo con il SelfCookingCenter e così potrai capire perché è uno strumento necessario nella tua cucina

Ti regaliamo un esclusivo kit di teglie con il tuo nuovo SelfCookingCenter®!

Partecipa a una dimostrazione e scegli il tuo kit di teglie.

Se effettui un ordine entro il 31/12/2019.

Partecipate ad uno dei nostri seminari gratuiti SelfCookingCenter® Live. Scoprite come il SelfCookingCenter® migliori l’attività quotidiana in cucina e quante cose sia possibile fare con i nostri apparecchi. Potete sfruttare i nostri servizi anche se non avete ancora un apparecchio RATIONAL.

Gratis. Senza vincoli. Proprio vicino a voi.

I vantaggi per i voi:

  • Potete provare a fondo il nostro SelfCookingCenter® prima di fare l’investimento
  • Avete la possibilità gratuita di conoscere meglio RATIONAL
  • Potete chiarire tutti i vostri dubbi con il nostro esperto in un colloquio personale

L’evento si terrà presso Safac Srl, Viale Pietro Ceccato 27, Montecchio Maggiore (VI)


Per partecipare, iscriviti qui:

Pubblicato il Lascia un commento

Corso Gelato Artigianale con Antonio Mezzalira 28 e 29 Ottobre 2019

Immagine promo corso gelato con Mezzalira.

Sei un gelatiere affermato?
Confrontati con un tuo collega di grande esperienza e trai spunti per nuove idee.
Sei nuovo nel settore?
Antonio saprà introdurti con facilità in questo mondo


Vieni al corso gelato in Safac
Lunedì e Martedì’ 28 e 29 Ottobre 2019
dalle 14:30 alle 18:00

Attenzione: Numero di posti limitati.
Evento gratuito su invito con iscrizione obbligatoria e soggetto a conferma.

Affronteremo vari argomenti:
Il gelato artigianale: metodi produttivi ed esecuzione delle ricette
Il gelato espresso nella realizzazione degli stecchi e delle torte gelato fino al frozen yogurt
Lavaggio e manutenzione delle attrezzature
Considerazioni economiche sul mondo del gelato

Antonio Mezzalira
Maestro Gelatiere, inizia la sua carriera lavorando presso la cucina di Massimiliano Alajmo. Qui apprende le arti della cucina e della pasticceria per poi avvici- narsi al gelato. Titolare della gelateria “Golosi di Natura” a Gazzo Padovano (PD) valutata con tre coni dal Gambero Rosso, vincitore dell’oscar mondiale della gelateria, porta nel gelato le sue esperienze di chef specializzandosi sempre di più nel gelato gastronomico e in quello alcolico.

Iscriviti al corso o richiedi maggiori informazione

Il programma completo:

Primo giorno:
• Metodi di produzione del gelato artigianale
• Preparazione salse e altri prodotti complementari
• I gelati a base latte, le miscele e la produzione
• Prodotti complementari: preparazione di un biscotto
• Lavaggio e manutenzione delle macchine e delle attrezzature

Secondo giorno:
• Le macchine per la produzione del gelato
• Le macchine per il gelato espresso
• Gelato su stecco
• Yogurt e frozen yogurt produzione
• Redditività ed altre considerazioni economiche